MUSEO XX SECOLO

Museo-XX-secolo_reference (1).jpg

Il Museo del XX secolo, promosso dall’associazione omonima, è aperto da settembre 2018 presso la galleria Berlinese di Villa Brunati a Rivoltella del Garda con finalità di conservazione museale ma anche socio-culturali e di sviluppo turistico del territorio.

Il Museo XX secolo è allo stesso tempo un luogo per tenere al sicuro testimonianze del passato, che un accesso per tutti a quelle cose che altrimenti rimarrebbero coperte dalla polvere, in un angolo della memoria o dimenticate.

L’ingresso dalla piazza degli Alpini introduce  alla galleria “berlinese” con teche e arredamenti d’epoca. Sono raccolti oggetti del periodo che va dalla Prima Guerra Mondiale fino al 1960 circa: documenti storici, materiale fotografico, oggettistica, uniformi femminili, divise, materiale rotabile, attrezzature di difesa civile ed altro ancora. Il museo allestisce ogni anno mostre temporanee composte da materiale monotematico. Una parte degli spazi è destinata ai laboratori didattici per i più piccoli e per le scuole. 

Nei pressi si possono visitare Villa Brunati e la Chiesa di S. Biagio.

Nel 2009 era stata fondata un’ associazione culturale storica proprio con il nome del sogno del “MUSEO XX SECOLO”. Nata dall’ idea di un gruppo di collezionisti e appassionati del periodo storico bellico del secolo ventesimo in particolare del periodo delle due grandi guerre, ha organizzato diverse mostre in Italia. Fin dalla nascita l’associazione ha ottenuto una lunga serie di riconoscimenti e attestati di stima a livello nazionale. “Il nostro impegno è volto a realizzare eventi, organizzare mostre e pianificare ogni tipo di attività riguardanti il periodo storico bellico all’interno di spazi storici attrezzati. Il punto di forza dell’associazione è il connubio tra la passione e l’interesse culturale che muove e unisce i membri del consiglio direttivo e i soci.”  Nel 2014 cresce trasformandosi in un gruppo che calamita l’attenzione di altre associazioni aventi finalità culturali affini. Sempre nel 2014 inizia una proficua e profonda collaborazione con l’associazione che gestisce il “Museo della Breda” esistente presso uno degli stabilimenti del gruppo Leonardo. Museo XX Secolo da’ il proprio apporto allo sviluppo del museo mettendo a disposizione materiale originale del periodo storico dell’azienda, inoltre contribuisce al recupero di un segmento del rifugio antiaereo allestendo al suo interno una saletta con attrezzature utilizzate nei ricoveri in uso nella Seconda Guerra Mondiale. Nell’allestimento spicca per drammaticità e rarità una maschera antigas per neonati in uso nella Gran Bretagna della “regina madre”. Nel 2015 il gruppo diviene una sorta di contenitore all’interno del quale trovano ospitalità in un contesto di reciproca collaborazione diverse associazioni culturali del nord Italia come: XX Secolo associazione culturale promotrice e ideatrice del progetto Museo XX Secolo, BunkerAnd More che promuove la conoscenza delle strutture storico militari del periodo delle Grandi Guerre presenti sul territorio europeo, Medicina Historica che si occupa di collezionismo e divulgazione nell’ambito sanitario e medico chirurgico di epoche storiche che spaziano dal periodo dell’antica Roma ai giorni nostri attraverso la partecipazione a esposizioni e programmi televisivi a carattere culturale, Associazione culturale R.A.V. storico Reparto Alta Velocita’ con sede a Desenzano Del Garda. I membri sono simpatizzanti, appassionati del volo , aviatori ed ex militari dell’Arma Aeronautica,Tactical History impegnata nello studio e nella ricerca dei siti nei quali si svolsero le battaglie delle varie epoche. Museo XX Secolo in collaborazione con la “Società Solferino e San Martino” ha allestito una mostra permanente sulla Grande Guerra all’interno della “Grande Torre Monumentale” commemorativa di San Martino della Battaglia nel comune di Desenzano del Garda,  grazie anche alla pregevole collaborazione con l’Associazione Storica Cimeetrincee che ha fornito le pannellature esplicative che in modo sintetico ed immediato rendono meglio comprensibile il periodo buio “dell’inutile strage” degli anni 1914 – 1918. All’allestimento della mostra è stato dato forte contributo da parte del noto collezionista ravennate Bruno Zama particolarmente attento alla raccolta di materiale di recupero o riutilizzo di oggetti delle due guerre mondiali. Sue diverse pubblicazioni sul tema. A partire dal 2018 l’associazione MXXS e’ iscritta al CERS, Consorzio Europeo Rievocazioni Storiche .. Biagio.